Breve biografia

Ok, se sei arrivato qui è perché davvero vuoi saperne più di me. Cercherò quindi di accontentarti senza annoiarti. Sono nata a Bergamo il 2 ottobre 1987 e sono cresciuta in un piccolo paese di montagna. Un luogo minuscolo – poco più di 500 abitanti – ma onestamente è difficile lamentarsene a posteriori. Riflettendoci posso dire di avere avuto un’infanzia davvero invidiabile: tanto sport (molto più di quel che sembri), tantissima libertà ed una marea di amici che amo ritrovare ancora oggi. E poi c’era il bar del paese con i primi cabinati – un’esperienza che mi ha avvicinato al mondo dei videogiochi -, le feste della comunità, le estati a giocare a calcio e pallavolo e gli inverni immersi nella neve. La mia adolescenza è stata un po’ meno definita e sicuramente più turbolenta. Nonostante infatti la mia capacità di ascoltare e consigliare le persone – un’inclinazione che giustificherà qualche anno dopo la scelta del corso universitario – ero davvero incapace di capire me stessa. Un must per ogni adolescente con qualche variante un po’ meno tradizionale. Tutto questo mentre studiavo al Liceo Scientifico, mi avvicinavo rapidamente al mondo dell’informatica, scambiavo DVD pirata con i compagni di classe e mi dedicavo ai già citati videogames, questa volta su PlayStation, Xbox e PC. Dopo il liceo ho scelto Scienze e Tecniche Psicologiche e ancora oggi non so dirvi esattamente perché. Probabilmente un mix tra “pare sia un lavoro che potrei fare bene” e “ho serie difficoltà con la matematica avanzata”. Peccato, perché se avessi tenuto duro mi sarei accorta che la mia passione per le materie scientifiche non è mai morta, nonostante qualche simpatico professore abbia fatto del meglio per farmele odiare. Alla fine però non ce l’ho fatta ad arrivare fino in fondo: mi sono laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università degli Studi di Milano – Bicocca, mi sono iscritta alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia e poi, a due esami e mezza tesi dalla conclusione, ho deciso di mollare. Lo rimpiango? Ogni tanto, ma alla fine ho smesso di studiare per lavorare ed inseguire un sogno, quello di tramutare la mia passione per la scrittura in una professione. E così, nel 2012, dopo qualche tentativo fallito e un po’ di gavetta, ho iniziato a collaborare con Games Princess, il blog di Fjona Cakalli. L’anno dopo è nato Tech Princess, il sito web dedicato alla tecnologia che oggi è cresciuto, si è evoluto e infine ampliato. Negli ultimi anni abbiamo dato vita ad un programma TV, abbiamo partecipato a grandi fiere italiane ed internazionali, fondato un nuovo magazine – Tech Business – e realizzato tantissimi progetti che fino a 5 anni fa non pensavo fossero alla nostra (ma soprattutto alla mia) portata. E ora? Beh, ora siamo un’azienda di cui sono terribilmente orgogliosa e che continua ad espandersi. E sono certa che l’anno prossimo dovrò riprendere in mano questa pagina ed aggiungere altri nuovi importanti traguardi.